Archive | marzo 2018

Cartoline da Filippi

Filippi, in fondo è una storia di suicidi. Come la corsa alla leadership del PD.

Lo sapevamo che ci saremmo rivisti qui, era da un po’ che vi aspettavo!
Finalmente abbiamo perso – no, nemmeno “non vinto” – e l’abbiamo fatto come si deve. L’Italia ha finalmente un Parlamento rappresentativo del suo elettorato e si è liberata dei maledetti responsabili.

Da domani reddito di cittadinanza al sud e flat tax al 15% al nord, facendo attenzione a non fare il viceversa, che sennò viene fuori un casino.

Ah, e “no hai negri” su tutto il territorio nazionale (anche hai froci, hai mussulmani e halle banche).

Il PD col suo triste 19% non ha nemmeno la fortuna di essere sconfitto dalla vera sinistra di Massimo D’Alema, che confessa di aver stretto più mani di elettori di quelle che l’hanno votato (immaginatelo detto con schifo di averle persino toccate, diciamo…), ed è già alla ricerca del nuovo salvatore della patria, tra il social-idol Calenda, il giovane Chiamparino e il buon Zingaetti (che mo’ ce lo fregate), dando per scontato la nullità di Emiliano e Orlando. Continua a leggere…

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: