Figlio di surrogata.

vendola-figlio-sondaggio-libero-1

La sobrietà.

E per fortuna aveva vinto l’amore.
Dopo l’approvazione della legge sulle unioni civili, salutata come l’ultima frontiera del progressismo mondiale da chi oggi “si accontenta”, ci voleva Nichi Vendola per farci capire che in questo paese si sente ancora la puzza di bruciato del cadavere di Giordano Bruno.
Anzi ci voleva “il figlio” di Nichi Vendola. O meglio “il figlio” di quel frocio comunista coi soldi dei contribuenti di Nichi Vendola.
E’ stato splendido vedere l’ondata di sdegno levarsi compatta da destra, centro e Marco Rizzo per sottolineare come in fondo questo paese annaspi nella merda per merito dei suoi abitanti. O quantomeno per la maggioranza dei suoi abitanti.
E dove c’è merda da rimestare le mosche si fiondano pronte a banchettare: i tweet di Gasparri e Salvini, le palate di letame del pokerista neo crociato folgorato sulla via di Las Vegas, le solite puttanate di una testa di cazzo che invece di occuparsi di arte vomita opinioni non richieste sul resto dello scibile umano.

E poi voi. Italioti imbecilli, che disquisite di qualunque cosa senza aver nemmeno lontanamente idea dell’oggetto del contendere, gentaglia dalla mente talmente limitata da non essere nemmeno in grado di comprendere cosa tentate di ripetere a pappagallo.

Li mettiamo due puntini sulle i, branco di baciapile cattolici a modo vostro, viscidi pseudoconservatori, che vi vergognate di essere definiti omofobi nel migliore dei casi per una questione di etichetta sociale, nel peggiore perchè non capite che il termine serve a riferirsi a chi ce l’ha coi froci? Voi che “pensate ai bambini”, sì. Voi a cui i bambini non hanno mai chiesto un cazzo, per fortuna. Voi che ovviamente non sapete nemmeno di che si parla.

1. “il figlio di Nichi Vendola”. Già qua, coglioni, dovrebbe arrivarci il vostro cervello, prendete il primo granchio, e lo prendete perchè una manica di imbelli – guidati dal Ministro dell’Interno… – ha deciso di affondare il ddl Cirinnà in nome di un’altra banda di invasati che scorrazzava al Circo Massimo, sperando di conservare il suo 2% elettorale. No, non è “il figlio di Nichi Vendola” quel bambino, o meglio, non lo è in questo paese di buffoni, perchè la stepchild adoption non è contemplata. Ma lo è in Canada, legalmente. In Italia quel bambino è figlio solo di Ed Testa, anche quando lui e il compagno si potranno “unire civilmente”. Spiegategli questo al bambino, paraculi, spiegategli perchè un tratto sulla cartina geografica possa variargli – giuridicamente – la presenza o meno di un genitore.
2. “i ricchi si fanno costruire i figli con l’utero in affitto”. E i comunisti devono avere le pezze al culo (corollario del “invece che difendere i lavoratori”). Certo, tutti sanno che appena passata Chiasso comodi supermarket offrono in vendita bambini di pura razza caucasica, biondi e occhi azzurri, ma solo a gay e lesbiche, a prezzi stratosferici, alimentando il mercato nero dei bambini strappati alle povere madri in cambio di un tozzo di pane che queste elemosinano nei campi profughi. Perchè di come funzioni la gestazione per altri in Canada o in California non ne sapete un cazzo, di quali siano le tipologie di donne che possano prestarsi nemmeno, del fatto che in altri paesi del mondo questa sia possibile solo in assenza di compenso (a parte il rimborso delle spese mediche). Come non vi rendete conto che qualcuno possa pensarla diversamente da come vi hanno detto di pensare. Ma siamo nel paese in cui la Finocchiaro farneticava di una possibile moratoria internazionale contro l’utero in affitto, roba che se ‘sta gente dovesse spararsi in bocca non voglio sapere dove infilerebbe la canna della pistola.
3. “potevano adottare un bambino”, il commento geniale letto e riletto. Se vi si deve spiegare anche questo… aggiungo solo che come si sa l’adozione è totalmente gratuita, quindi riservata ai morti di fame e adatta ai veri comunisti, giusto? (e i bambini in adozione sono tutti orfani, e non ce n’è nessuno dato in affido da parte di qualche mamma che quel figlio non lo voleva nemmeno… ah, le favole…) E ditelo che non vedevate l’ora di prendervela con Vendola, perchè gay, di sinistra e capace di parlare in italiano. E non vedevate l’ora di metterlo a paragone con un ruffiano dall’accento milanese buttato nel fango per aver pagato una quarantina di puttane.

Potrei andare avanti all’infinito, ma non posso farmi il sangue amaro dovendo constatare che rimane reato il percuotervi con mazze e bastoni, mentre coi vostri cervelli limitati rompete il cazzo – e rovinate la vita – a chi ha solo la colpa di voler vivere diversamente da voi, senza nemmeno voler sfiorare la vostra, di vita. Obiettivo che invece muove ogni vostra azione, mentre tentate di imporre ad altri limitazioni che non vi riguarderanno mai.

Ma in fondo questo è il paese in cui i diritti sono affidati ai voti di coscienza.

E in cui voi condividete il vomito di Adinolfi, Salvini, Sgarbi e merdaglia varia, ma in fondo, similes cum similibus congregantur. E la puzza si sente da qui. Ma ora potete persino votare Il Popolo della Famiglia, con l’aiuto di dio e di un buon lassativo.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: