Per una legge ad canem.

flash

Pesava un quinto di Biancone, era molto più simpatico, ma lo portavo al guinzaglio. E se avesse morso un bambino mi avreste pure denunciato. Strana la vita.

Meno male, c’è ancora speranza.

Finalmente un rigurgito di civismo attraverso le strade reali e virtuali per opporsi a tanta ignominia, all’ennesimo sopruso ai danni dei più deboli, alla solita arroganza del potere che si scaglia contro chi, per colpa del destino e delle mille coincidenze della vita, non ha le possibilità di difendersi.

Finalmente la si finisce di prendersela coi problemi di poco conto, siano la gestione allegra delle aziende pubbliche, le scelte urbanistiche di comodo, i ricorsi al TAR vinti contro atti illegittimi, i ponti chiusi da mesi, ma pronti ad essere inaugurati a tempo di record sulla carta, finalmente pensiamo alle cose serie.

Hanno accalappiato Biancone, liberate Biancone.

Quà n’ze passe.

Cosa credete, esiste un limite di tolleranza superato il quale la gggente fa la rivoluzione. Avete preso Biancone, ma mo’ so’ cazzi vostri. E che ce ne frega a noi della legge, Biancone è un simbolo, il William Wallace di piazza Martiri, l’ultimo baluardo contro le orde di bambini scostumati che “accimentano il cane che dorme”, il guerriero che solo può continuare a dormire anche sulle trascinanti note di “Rosina dammela”, e che a differenza del Vescovo riesce persino a tollerare le sfilate di moda in bikini dentro il suo territorio.

Biancone è il simbolo di Teramo, mica cazzi.

Un cane indolente che dorme panza all’aria da mattina a sera in mezzo ad una piazza ridotta ad un cortile. Non potrebbe esserci un simbolo migliore per questa città, infatti.

 

p.s.: un piano di un gruppo armato di molotov alla genziana e proiettili alla salsiccia, finalizzato alla liberazione di Biancone e al suo reintegro nell’arredo di Piazza Martiri durante la Festa della CIA, è stato sventato pochi minuti fa. Il buon cagnone avrebbe dovuto poi aggredire qualcuno a caso, facendo ricadere immediatamente la responsabilità, per omessa sorveglianza, sul Sindaco Brucchi. In ogni caso i partiti di opposizione si dichiarano estranei alla vicenda.

p.p.s.: mi hanno insegnato sin da piccolo che i cani – e gli animali in genere -, vanno trattati come tali, e che i bambini, nonostante tutto, sono esseri umani, anche se insopportabili spesso persino più dei loro genitori. I bambini sanno come mettersi nei guai – sempre e comunque, anche oltre le più fosche previsioni -, quindi si tende a tutelarli: è più logico che in una piazza ci siano i bambini, e non cani di grossa taglia lasciati liberi, per quanto pacioccosi possano sembrare/essere, perchè il legislatore ha imparato per esperienza che i cani sono comunque animali, e se gli pesti la coda non stanno lì ad accettare le scuse. (Tra l’altro mi piacerebbe sapere come cozzano le nuove norme in vigore dal 7 settembre con il fatto che un cane come Biancone possa rimanere “libero” in aree frequentate dal pubblico).

La rivoluzione per Biancone di sicuro non la faccio, io un cane, anzi Il Cane l’ho avuto, e sinceramente, Biancone non avrebbe potuto manco annusargli il culo. E ricordavo sempre che era un cane, proprio perchè gli volevo bene.

Annunci

Tag:, , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: