Servizietto Pubblico

C'ha ragione, voi manco alle scuole serali siete stati. Almeno comprate una laurea buona, con quello che vi ha pagato nella vostra lunga carriera! (odia vedere il denaro buttato così). Fessi.

C’ha ragione, voi manco alle scuole serali siete stati. Almeno comprate una laurea buona, con quello che vi ha pagato nella vostra lunga carriera! (odia vedere il denaro buttato così). Fessi.

L’Impero colpisce ancora. La resa dei conti all’OK Corral si trasforma alla fine in ciò che è da vent’anni a questa parte, una splendida rutilante farsa.

Ancora una volta Silvio Berlusconi trova in Michele Santoro e Marco Travaglio l’esempio migliore di quelli che sono i suoi alleati nella lotta contro il Male cosmico, quelli cioè che continuano ad ammantarlo di una specie di aura messianica, trasformandolo nell’icona di tutti i mali, il totem da abbattere, e di contro il campione del suo schieramento.

Una trasmissione cucita su misura sui tre protagonisti – l’accenno alle regole contrattate da Santoro… – che deve misurarsi ancora una volta con la voglia di strafare di Silviuccio, che non si lascia scappare l’occasione di trasformarsi in mattatore unico.

Istrionico, strafottente e padrone della situazione, piazza il miglior colpo mediatico della campagna elettorale, presentandosi per quello che è, un vecchio spregiudicato contaballe, ma così coraggioso da andare direttamente nella tana del lupo cattivo, per ribadire le sue ragioni. Manco John Wayne ne Il Grinta.

Santoro e Travaglio non sono sottotono, sono semplicemente uguali a sé stessi: non hanno ancora capito che dopo venti anni di denunce, di puntuali racconti dei misfatti del Cavaliere, di corrotti, corruttori, tangenti, mignotte, raccomandazioni, intrecci con la mafia, amicizie discutibili, nulla è cambiato.

Gli italiani queste cose le sanno, e le sanno da sempre, e ricordarle ha solo un effetto controproducente. Silvio piace perchè è così, e ricordare i suoi fasti gli conferisce solo nuova forza. Gli italiani lo hanno votato, lo votano e in parte continueranno a votarlo, perchè lo vogliono così, al di sopra di tutto e di tutti, ultimo paladino non contro i comunisti – che a quelli non crede nessuno –, ma contro una parvenza di legalità in questo Paese (che di legalità vera, in fondo…). Uno che chiede di fare il dittatore, ma democraticamente, almeno finchè ci sono queste inutili formalità burocratiche chiamate elezioni. E i colpi di stato sono così demodè.

Chi vota Silvio lo sceglie perchè vorrebbe essere Lui – nemmeno come lui –, essere ricchissimo, dispotico, andare a puttane, frequentare il jet set e fregare tutti gli altri. “Io sono io e voi non siete un cazzo” non lo ha detto Lui, ma vorrebbe averlo fatto.

Rivanghiamo il passato degli amici mafiosi, delle olgettine, di Giampi e Lele, facciamogli sparare più supercazzole di un Conte Mascetti all’apice della forma, ma evitiamo con cura di fargli le domande giuste, perchè non fanno audience. Perchè alla fine la gente vorrebbe il sangue – che non c’è –, ma si accontenta pure del cinepanettone andato in onda, della versione vip di Zelig (anzi, di Colorado), del “viste quante gliene ha dette Travaglio” e del “ma hai visto Silvio quante gliene ha ridette?”. La politica ridotta a tifo, quello che la maggioranza di questo paese vuol vedere, il Derby d’Italia, il dubbio amletico tra le due questioni fondamentali della vita elettorale italiota: ha ragione la destra o ha torto la sinistra?

E via allora con la Corte Costituzionale comunista, con la Costituzione da cambiare, con l’elenco dei processi e il complottone cosmico – abbiamo capito che Tremonti gli sta sulle palle, nulla di nuovo, ma ora sappiamo che dalla sua ricostruzione la Deutsche Bank ha cominciato a speculare ben prima dell’impennata dello spread, forse con la complicità di qualche banca di cui detiene qualche quota; vuoi vedere che la soffiata sulla crisi imminente è partita da lui? –, e nessuno che si ponga il problema di fare una sola domanda vera, tipo “concesso che il bicameralismo sia questo, che il Presidente del Consiglio non conti un cazzo, che maggioranze bulgare non bastino per governare, come cazzo è possibile che tutti questi problemi non si siano presentati per varare provvedimenti essenziali come

  • falso in bilancio
  • legge Cirami
  • salva Rete4
  • legge Cirielli
  • condoni vari
  • Porcellum?”.

Era solo fortuna sfacciata, chiaramente.

Mai cercare di ricordare che ogni riforma sbandierata dal 1994 ad oggi non ha avuto alcun effetto decente sulla vita di questo Paese, non per colpa di questo o di quell’altro, ma solo perchè non c’è mai stata la volontà di fare qualcosa in questo senso. E, in fondo, a lui cosa doveva fregargliene?

Magari anche i berluschini della prima ora, quelli convinti che davvero quest’uomo avesse mai pensato ad una rivoluzione liberale, ad una trasformazione dello Stato, ad una seppur minima idea di fare qualcosa per l’Italia, non avrebbero più nulla a cui attaccarsi.

Rimane una certezza, dal momento in cui la conduzione del programma è passata nelle mani di Silvio, la serata ne ha beneficiato. In fondo è stato il miglior varietà televisivo degli ultimi anni, altro che Fiorello.

ps: un unico momento verità, ma i coglioni sono più di tredici milioni, stai tranquillo Silviuccio. E da domani +4% nei sondaggi. Meno male che Santoro c’è. E se poi Monti alla fine dovesse guardare verso casa sua? In fondo se Grillo apre a CasaPound, Maroni e i suoi barbari sognanti tornano a casa… Daje Silvio, manca tanto così!

pps: la puttanata cosmica della pseudoimprenditrice antisignoraggista che doveva avere una banca centrale che stampasse soldi a costo zero potevano risparmiarla. Contando che tra poco dovremo sentirci quelli convinti di essere innaffiati di bario dal cielo, direttamente da Piazza Martiri.

Annunci

Tag:, , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: