Attentato!!!

Nell’immagine la ricostruzione dell’attentato da parte dei R.I.S. di Canale 5, e la conferma della letalità dell’ordigno. Tra i primi ad esprimere solidarietà per l’accaduto, il pluri ex presidente del consiglio, ex ministro, senatore a vita, Giulio Andreotti: “non fanno più le poltrone di una volta, la mia ancora resiste”.

Ancora una volta, contro tutto e contro tutti, sono costretto a darvi la notizia che non leggerete oggi su nessun quotidiano, né ascolterete in un qualunque TG; è vero, esiste un complotto planetario, e questa ne è la prova.

Roseto, I Festa Provnciale dei Giovani Democratici, dibattiti, musica, birre e la storia di un sabotaggio. Il fattaccio che non ti aspetti, una vile azione di disturbo – di dubbia provenienza –, che rischia di trasformare una tranquilla serata in una tragedia politica. In breve la cronistoria degli eventi: dopo aver allontanato dalla zona del dibattito il sottoscritto, con la scusa di procacciare del cibo per i musicanti, il commando interviene, preparando la trappola mortale, sotto forma di sedia di plastica alterata nella sua struttura portante. E’ un attimo, quando l’incauto altissimo dirigente politico di primissimo pianosempre il sottoscritto – già relegato al semplice ruolo di moderatore di dibattiti tra giovincelli, impegnato a degustare una coppa di bevanda caramellata (pagata di sua tasca, come contributo alla causa…), cade nell’imboscata. Solo i suoi prontissimi riflessi gli consentono di accasciarsi lentamente al suolo, senza riportare danni ulteriori, salvando il prezioso contenuto del suo bicchiere, disperso solo in parte, tra l’ammirazione degli astanti per l’elevata difficoltà del complesso gesto tecnico.

Ed è solo per una fortuita coincidenza che il piano omicida va a monte. Ma subito è chiaro che questa storia non verrà mai alla luce, perchè i giornalisti di regime (quell’Alessandro Di Emidio che modera il dibattito), la casta dei parlamentari (l’on. Sandro Gozi assiste alla scena) e gli organismi di partito (amministratori e dirigenti dei GD), cominciano l’opera di insabbiamento, pur di sminuire la portata destabilizzante dell’avvenuto.

Si parlava di Italia e di quanto questo non fosse un paese per giovani, e qualcuno ne approfitta per i primi depistaggi: se l’on. Gozi prova a dare la colpa a complotti mercatisto-massonico-plutocratici finalizzati all’eliminazione dei giovani in chiave di risparmio sulle spese pensionistiche, peggio fanno alcuni giovani democratici, di chiara ispirazione veterocomunista, che tentano di far passare il tutto come una gag come altre per animare la serata, sperando di evitare così problemi con l’assicurazione.

E’ solo paura di altri attacchi o sono anche loro complici del complotto?

Il sottoscritto non si arrende, e sfidando la sorte decide di presenziare oltre la durata del dibattito, per dimostrare che le sue battaglie continueranno, nonostante tutto. E senza il minimo timore quindi, che decido di fornire agli inquirenti le piste più calde da battere, insieme a probabili mandanti, per trovare i responsabili del sabotaggio:

  • Brigate Fiorellino Bianco per la beatificazione di Giggino Lusi. Parlare di primarie per i candidati a Roseto è pericoloso – si sapeva – come portare la ‘nduja a Pontida, e forse si sono voluti colpire il sottoscritto, i Giovani Democratici e questo blog per alcune posizioni oltranziste sull’argomento. Colpirne uno per non farne votare cento. Se il PD non dovesse fare le primarie in questa provincia la pista sarebbe quella più indicata, ma alcuni indizi fanno pensare ad altro. Come la presenza di Matteo Sabini.
  • Giovani Marxisti per la Rivoluzione Acculturata. Si nascondevano tra il pubblico dei dibattiti sin dalla prima sera – come si apprende da alcune fonti di intelligence – e pare non abbiano gradito le provocazioni del sottoscritto, intento a moderare (moderato=reazionario, moderatore=portatore degli ideali conservatori) un incontro trasversale tra esponenti dell’intero arco costituzionale. L’abbigliamento è stato il primo punto di contestazione: la camicia nera con scritta USA pare non essere andata giù a molti, ma a scatenare la cieca rappresaglia pare sia stato l’amore per la scura bevanda imperialista, preferita dal sottoscritto alla più proletaria – e che avrebbe garantito maggiori introiti agli organizzatori – bionda 0,4. L’innesco dell’ordigno pare essere comune nei conflitti balcanici, cosa che sposta i sospetti su Mateja Sabinovic.
  • Ordine Nazionale dei Blogger. Già degradato a moderatore, il sottoscritto si è visto apporre l’appellativo di blogger, senza nemmeno essere stato consultato, e senza nemmeno aver sostenuto l’esame di Stato abilitante. Per non parlare della mai avvenuta iscrizione all’albo. La pista della vendetta digitale è labile, tuttavia, l’estensore del programma potrebbe essere stato l’agente infiltrato che ha preparato il terreno all’attentato. Chi si è occupato in prima persona dell’organizzazione della festa è Matteo Sabini.
  • faida interna al PD teramano. Ancora sotto choc mi è stato riferito che il posto lasciato artatamente libero era accanto a quello di Alberto Melarangelo, che pare aver lasciato il luogo dell’incontro subito dopo il fallimento dell’attentato. Sfuggono le ragioni di un atto del genere, ma Alberto era stato invitato a partecipare ad un dibattito sull’università da Matteo Sabini.

Spero ovviamente che nessuna pista sia abbandonata dagli inquirenti, e che si possa far luce al più presto sull’ennesima pagina nera della Storia di questo Paese, confido nella Giustizia e nelle Istituzioni, nonostante tutto e nonostante la macchina della disinformatja sia già in moto, nella migliore tradizione oscurantista del comunismo di stampo sovietico. Non mi fermerò, e continuerò a combattere perchè si possa ancora parlare di primarie, scrivere cazzate in rete e sorseggiare Coca-Cola, senza dover continuamente guardarsi le spalle.

In ogni caso, ora sapete cosa può accadere ad un giovane, non appena si avvicina ad una poltrona.

Annunci

Tag:, , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: