Scandite con me, vi-a-effe-effe-ngu-u-u-lo…

Ogni tanto mi preoccupo, mi preoccupo davvero.

Tutti hanno bisogno di un'ispirazione per creare...

Non ho mai creduto agli effetti benefici della camomilla, né posso consigliare comportamenti che spingano all’illegalità, come l’assunzione di droghe leggere, quello che posso fare è invitare ad aderire a quelle campagne di sperimentazione del Ritalin che ogni tanto vengono annunciate da giornalisti esaltati o blog di complottisti.
Perchè voi non state bene. E’ un fatto. E come tutti i fatti, non valgono i secondo me e i secondo voi, è la vita e ce la prendiamo così.
Lo sfogo è necessario, sbroccare è terapeutico, quindi se non volete esprimervi, se non volete reprimere i vostri sentimenti, se non volete usare forme colorite di linguaggio, se non siete ispirati dall’anima del Belli e non mettete in rima il vostro scontento, almeno non rompete mai le scatole a chi lo fa.
Perchè? Perchè in realtà siete-solo-invidiosi!

Invidiosi di chi cerca una cura e un lenimento ai suoi dolori, senza la paura di ricorrere all’unica medicina che oggi cura ciò che non va, quando non puoi far nulla per cambiarlo, un bel vaffanculo.

Se non potete dirlo con i fiori, potete sempre dirlo in musica...

Un vaffanculo è un atto liberatorio, un’invocazione e un augurio al proprio interlocutore, un’espressione democratica e libertaria che invita l’oggetto dello sfogo a fare qualcosa di meglio piuttosto che rompere l’anima al povero esasperato.
Non è un insulto, è un programma propositivo, un invito a cambiare rotta, un suggerimento da amico, che denota persino uno spirito quasi cristiano da parte del soggiogato verso il suo “carnefice”, proprio per questo non c’è limite di prescrizione per un vaffanculo, sia diretto ad un politico, ad un tassista, alla gomma che hai appena forato, al Papa, alla Regina d’Inghilterra o a Marco Masini.
Il vaffanculo è impersonale e non comporta obblighi, è un’indicazione turistica, una spinta a provare un nuovo hobby, che magari potrebbe persino piacere (o diventare fonte di lucro lungo alcune strade statali… ok, questa è un’altra storia). E spesso non sapendo di averlo ricevuto, non te ne accorgi nemmeno! Quindi usatelo, non è un presidio medico-chirurgico, non serve prescrizione! Vi aiuterà… [e non provoca dipendenza come il Ritalin]

Un moderato disposto al dialogo. La testa finisce proprio lì...

Ma attenti, potreste sempre trovare sulla vostra strada la reincarnazione di un censore del tempo del cinema dei telefoni bianchi, che verrà a porvi le proprie rimostranze per quello che secondo lui è un uso illecito del turpiloquio in genere, prima finite di sfogarvi – aiuta -, poi affrontate il problema.
Come sapete due cose sono infinite ad oggi, la stupidità umana e la quantità di epiteti con cui potete apostrofare il primo che vi attraversa la strada, quindi cominciate tranquillamente a ragionare:

  1. siete in Italia, paese di cui gran parte degli abitanti, per tradizione, ritiene che il “comune sentire” sia necessariamente il proprio, con tutte le tare, i tabù e l’ignoranza che da generazioni riescono a tramandarsi
  2. il morigerato che odia il turpiloquio, sposterà immediatamente l’oggetto della discussione dal “cosa state dicendo” al “come” lo state dicendo, secondo una strana teoria per cui le parole siano violente come le azioni (prendetelo a badilate e ditegli di querelarvi per ingiuria, se A=B, vale anche B=A)
  3. avete davanti un moderato all’italiana, quello che spesso non modera le opinioni, ma i fatti, perchè in media stat virtus, cioè su tv e giornali; stiamo parlando di uno che, per dirla con l’amico di Baker Street,  porterebbe il suo grande contributo alla discussione così: “Supponiamo che io stia cercando di spiegare all’idiota di turno, convinto che la terra sia ferma e piatta, che la terra è in realtà rotonda e gira attorno al sole. A questo punto arriva il prode moderato che dall’alto della sua moderazione spocchiosa tira fuori la teoria moderata per cui la terra è un disco dagli spigoli arrotondati, un po’ bombata, e che gira attorno al sole solo dal lunedì al venerdì festività comandate escluse. Un abominio. Uno schifo peggiore di quello di partenza. Eppure il moderato riceve il plauso degli astanti per la sua schifosa morigeratezza di pensiero. “

Ora tirate le vostre conseguenze.
Siamo tutti sicuri che ad ogni azione corrisponde una reazione (o almeno credo, il terzo principio della dinamica potrebbe essere un’opinione), quindi se non volete abbandonare tranquillamente la discussione, magari chiamando per puro spirito caritatevole la neuro, vi offro alcune soluzioni, spendibili a seconda del livello di incazzatura che portate e del livello culturale che volete dimostrare:

  • aulico, fate come Barbariccia nel canto XXI dell’Inferno della Divina Commedia, provando ad intonare un si bemolle degno di Luis Armstrong
  • nazional-popolare, citando Alberto Sordi, canticchiate “Te c’hanno mai mannato a quer paese? Sapessi quanta gente che ce sta! Er primo cittadino è amico mio, tu dije che te c’ho mannato io…”
  • citazionista, “leggi al rigo 1 di pagina 190, terza frase, dopo il virgolettato: di Daniele Luttazzi, Bollito Misto con Mostarda, Feltrinelli, 2005” (dai, lo trovate qui)
  • categorico, “’mbe ciao!”
Sì, ce l'ha con voi. Ma siccome è un bambino, non potete dirgli nulla! Rosicate...

Sì, ce l'ha con voi. Ma siccome è un bambino, non potete dirgli nulla! Rosicate...

Quindi amici, sfogatevi, sbollite la rabbia repressa, strepitate, insultate… ed accettate le conseguenze dei vostri comportamenti, senza farvi distrarre da chi vi vuole ordinati e disciplinati, magari quelli mandateli a fare in culo mentre non vi sentono. E vi ricordo un’altra cosa, secondo la Cassazione il vaffanculo non è un insulto, ci sono “talune parole ed anche frasi che, pur rappresentative di concetti osceni o a carattere sessuale, sono diventate di uso comune ed hanno perso il loro carattere offensivo”!
Come si dice, a chi tocca nun s’ingrugna.
Mandate a fanculo anche il sottoscritto, come mi sembra giusto. Sappiate che avrete dieci secondi bonus di vantaggio per fuggire, prima che vi prenda a ceffoni. Sapevatelo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: